di Stefano Toma
Advocacy e progettazione

Dopo aver partecipato alla definizione dei nuovi orizzonti per la cooperazione internazionale nei tavoli di lavoro del Ministero degli Affari Esteri, il 2018 ha segnato un punto di svolta, con l’iscrizione di Fairtrade Italia nella lista delle Organizzazioni della Società Civile dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo.
Il commercio equo è stato formalmente e concretamente riconosciuto come uno strumento fondamentale per realizzare partnership profit/non profit nella cooperazione internazionale.
Il Senato della Repubblica ha avviato la discussione di un nuovo Disegno di Legge 594 – Disposizioni per la promozione e la disciplina del commercio equo e solidale, che speriamo possa sostenere il settore.
A settembre è stata rilanciata l’iniziativa Territori Equosolidali, che in linea con la campagna internazionale Fair Trade Towns coinvolgerà città ed enti locali nella promozione del commercio equo sul proprio territorio.
Per info: territoriequosolidali.it

Progetti finanziati

È iniziato il progetto Trade Fair Live Fair, finanziato dall’UE nell’ambito del programma EuropeAid – Development Education and Awareness Raising. L’iniziativa, che coinvolge 31 partner in quasi tutta Europa, ha l’ambizioso obiettivo di creare più consapevolezza nei cittadini/consumatori e nelle istituzioni rispetto agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’ONU. Guidato da Fairtrade International, Trade Fair Live Fair ha già finanziato nel primo anno 5 campagne pan-europee di sensibilizzazione, nonché ricerche e studi scientifici. In ambito italiano, nel 2018 ha contribuito a finanziare gli interventi delle nostre promoter nell’ambito di eventi legati alla Fairtrade Challenge.
Nel 2018 è stato avviato il progetto Sri-Prom: sviluppo rurale integrato in Sri Lanka. Il progetto ha l’obiettivo di supportare la formazione delle organizzazioni di piccoli produttori di spezie certificate Fairtrade e accompagnare nuovi gruppi di produttori verso l’ottenimento della certificazione. Guidato da ICEI (Istituto di Cooperazione Economica Internazionale) – con sede a Milano – e in collaborazione con Overseas, Fondazione Punto.Sud e Università di Milano, si concluderà nel 2021.